TARASSACO, CARCIOFO E RABARBARO: ANTIOSSIDANTI, DEPURATIVI E DIURETICI NATURALI

TARASSACO, CARCIOFO E RABARBARO: ANTIOSSIDANTI, DEPURATIVI E DIURETICI NATURALI

Il tarassaco, il carciofo e il rabarbaro vantano proprietà depurative e disintossicanti e per questo sono ottimi alleati per contrastare le malattie del fegato.

Scopriamo insieme le proprietà e i benefici di questi preziosi alimenti.

Tarassaco

Comunemente conosciuto come “dente di leone”, il tarassaco incoraggia la funzionalità biliare epatica e renale aiutando il fegato e i reni nella funzione depurativa del nostro organismo, attraverso ,quindi, l’espulsione delle tossine in eccesso.

Il tarassaco contribuisce anche a eliminare i grassi in eccesso presenti nel fegato ed è per questo una soluzione efficace per abbassare il livello di colesterolo e prevenire la formazione dei calcoli.

Carciofo

Il carciofo è il paladino indiscusso del fegato.  La cinarina presente in questo salvifico ortaggio dal gusto amarognolo favorisce un aumento del flusso biliare e protegge il fegato da diverse patologie quali l’epatite e la cirrosi.

Oltre alla cinarina, il carciofo è ricco di acqua, fibre e sali minerali che stimolano la diuresi e hanno un effetto lassativo contrastando l’accumulo di grassi. Non è un caso che il carciofo sia raccomandato per combattere la fastidiosa cellulite e ,in modo particolare, a chi segue una dieta detox.

Inoltre, i carciofi aiutano a sia contrastare il diabete ,grazie all’inulina che regola i livelli di zucchero nel sangue, sia ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo proteggendo il sistema cardiovascolare e prevenendo ictus e infarti.

RABARBARO

Il rabarbaro è caratterizzato dalle sue proprietà lassative e purgative in grado quindi di regolarizzare le funzionalità dell’intestino; molto vantaggioso, quindi, in caso di stipsi.

E’ anche utilizzato per le sue proprietà digestive e depurative dell’organismo e la parietina presente in questo alimento pare riesca a combattere le cellule leucemiche.

 

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Il lungo Collinare

Il lungo collinare Per diversi motivi, che andremo ad analizzare, il Lungo collinare permette di dare degli stimoli allenanti superiori, con una riduzione del rischio

I mezzi di allenamento: La corsa veloce

Corsa Veloce (CV) Detto anche “Corto Veloce”, è un’intensità da considerare appena inferiore (di circa 10-20” /Km) del Ritmo Gara di una competizione di 10 Km (RG

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti