Swim test

Swim-test

Nel nuoto le cose si complicano ulteriormente perché la tecnica assume una importanza tale che un soggetto poco allenato può percorrere molti km in un’ora facendo la metà della fatica di un soggetto molto allenato ma dotato di una scarsa tecnica.

Il problema si aggira con questa formula, con T100 che rappresenta il tempo misurato in secondi sui 100 metri (4 vasche da 25 metri) nuotati al massimo delle proprie capacità:

Swim- Test (metri) = 3600 / (T100 + 40) x 100

che per T100 compreso tra 70 e 110 secondi può essere approssimata da questa semplice formula, che calcola il numero di vasche dello Swim-Test

Swim-Test (n vasche da 25 m) = 200 – T100

Se per percorrere 100 m impieghi più di 110 secondi (1 minuto e 50 secondi) allora il test non fa per te, perché non hai sufficiente doti tecniche (molti di coloro che non riescono a percorrere 100 metri in meno di 2′ non riescono nemmeno a nuotare per 1 ora senza mai fermarsi o quasi, dunque il test perde di significato).

Per prendere il tempo sui 100 parti dal bordo, senza tuffo, e provali 2-3 volte, cambiando la frequenza di bracciata, soprattutto se non hai mai fatto test massimali: se forzi troppo potresti generare un grande attrito “sporcando” a tal punto la nuotata da peggiorare il tempo rispetto a una nuotata più lenta!

Facciamo qualche esempio:

  • T100=70” -> Swim-Test = 3250 m (130 vasche con formula approssimata)
  • T100=80” -> Swim-Test = 3000 m (120 vasche con formula approssimata)
  • T100=90” -> Swim-Test = 2769 m (110 vasche con formula approssimata)
  • T100=100” -> Swim-Test = 2571 m (100 vasche con formula approssimata)
  • T100=110” -> Swim-Test = 2400 m (90 vasche con formula approssimata)

Questo test è ideale per chi è nuotatore puro, e dunque ha una tecnica quantomeno discreta e una preparazione adeguata per nuotare un’ora di fila o quasi (non è vietato fermarsi ogni tanto, come nella corsa).

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Allenare la salita…senza la salita!

Cosa fare se non si hanno a disposizione salite? Credo sia una domanda che molti trailer (ed amanti della corsa in montagna) si siano fatti.

Come andare forte in salita

Come allenarsi per andar forte in salita L’allenamento specifico gioca un ruolo fondamentale! Gli allenamenti da preferire sono: Le ripetute in salita (medie e lunghe) Il fartlek

FARTLEK in diagonale

Fartlek diagonali Dette anche semplicemente “diagonali”, solitamente viene effettuato su un campo da calcio (o prato con caratteristiche similari) seppur in condizioni decenti, preferibilmente con poca

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti