Sei bugie che ti sono state insegnate sull’acido lattico

Sei bugie che ti sono state insegnate sull’acido lattico

Tutto ciò che hai imparato sull’acido lattico è sbagliato: ecco la verità

L’acido lattico è roba brutta. I muscoli lo producono durante l’esercizio intenso.

È un sottoprodotto metabolico che non contribuisce alle prestazioni dell’esercizio.

Provoca affaticamento muscolare e dolore muscolare post-esercizio.

Non c’è da stupirsi che i migliori atleti di resistenza non producano tanto acido lattico.

In realtà, nessuna delle affermazioni di cui sopra è vera.

Recenti ricerche hanno dimostrato che l’acido lattico non è quello che credevamo  una volta.

Continua a leggere e scopri la verità dietro le bugie che ti sono state dette.

Bugia 1: i muscoli producono acido lattico durante l’esercizio

I muscoli non producono acido lattico durante l’esercizio.

Producono un composto molto simile chiamato lattato.

Comunque la si chiami, questa sostanza non è prodotta come prodotto di scarto del metabolismo anaerobico, come si credeva una volta.

In realtà è un collegamento intermedio tra metabolismo anaerobico e aerobico.

Bugia 2: l’acido lattico provoca affaticamento muscolare

La maggior parte degli atleti crede che il lattato (come lo chiameremo d’ora in poi) causi affaticamento muscolare rendendo i muscoli troppo acidi per contrarsi efficacemente.

Mentre i muscoli diventano più acidi durante l’esercizio, il lattato non è la causa.

In ogni caso, lungi dall’accelerare la fatica, l’accumulo di lattato nei muscoli in realtà ritarda l’affaticamento mitigando gli effetti di un fenomeno noto come depolarizzazione.

Durante l’esercizio intenso, i muscoli perdono potenza allo stesso modo di una batteria: diventando depolarizzati. L’accumulo di lattato nel tessuto muscolare durante l’esercizio intenso contrasta in parte l’effetto della depolarizzazione.

Bugia 3: l’acido lattico provoca dolore

Il lattato non causa dolore muscolare post-esercizio.

La prova più semplice di ciò è il fatto che molto poco lattato viene prodotto durante l’esercizio molto prolungato e a bassa intensità, eppure è proprio questo tipo di esercizio che lascia i muscoli doloranti nei giorni successivi.

Il dolore muscolare post-esercizio è in realtà causato da semplici danni meccanici alle fibre muscolari, danni ai radicali liberi e infiammazione.

Bugia 4: l’acido lattico non contribuisce alle prestazioni dell’esercizio

Senza lattato, non diventeresti più in forma in risposta all’allenamento nella stessa misura in cui lo fai.

La produzione di lattato durante l’esercizio fisico intenso stimola un fenomeno chiamato biogenesi mitocondriale dopo l’esercizio.

I mitocondri sono piccole fabbriche all’interno delle cellule muscolari in cui si verifica il metabolismo aerobico, cioè dove l’ossigeno viene utilizzato per abbattere i grassi e il glucosio per produrre energia.

Un aumento della concentrazione di mitocondri all’interno delle cellule muscolari è uno dei principali adattamenti all’allenamento che migliorano le prestazioni di resistenza.

E il lattato lo fa accadere.

Questo è uno dei motivi per cui l’allenamento ad intervalli ad alta intensità è un potenziatore di prestazioni così potente.

Bugia 5: i muscoli non usano l’acido lattico per il carburante

Alcuni atleti sono consapevoli che il lattato prodotto durante l’esercizio fisico può essere “riciclato” in glucosio e utilizzato come combustibile dai muscoli, dal cuore e dal cervello.

Ma pochi sono consapevoli che il lattato viene anche metabolizzato aerobicamente nei mitocondri come combustibile diretto per le contrazioni muscolari.

Infatti, è stato stimato che circa il 75% del lattato prodotto all’interno delle cellule muscolari viene utilizzato in questo modo e solo il 25% fuoriesce nel flusso sanguigno, dove può essere misurato attraverso il test del lattato nel sangue.

Bugia 6: gli atleti migliori producono meno acido lattico

Alcuni dei migliori atleti di resistenza del mondo sembrano produrre significativamente meno lattato durante l’esercizio intenso rispetto agli atleti di minor successo.

Questo ha senso se credi che il lattato sia un prodotto di scarto tossico che causa affaticamento e non aiuta in alcun modo le prestazioni dell’esercizio.

Ma non ha senso alla luce delle attuali conoscenze sugli effetti dell’acido lattico. Ed è anche molto improbabile che sia vero.

Con ogni probabilità, la ragione per cui c’è meno lattato nel sangue di artisti del calibro di Meb Keflezighi e Michael Phelps durante l’esercizio intenso non è che i loro muscoli producono meno, ma piuttosto che usano di più.

 

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

MIGLIORA LA TUA FORZA CON GLI STEP-UP

Migliora la tua corsa con gli step-up Perché gli step-up ti rendono un corridore più potente, tecniche e suggerimenti su come eseguirli e due allenamenti

SQUAT CORRETTO

Come eseguire uno squat corretto 3 consigli per assicurarti di accovacciarti in sicurezza e indirizzare i muscoli giusti. Lo squat bilaterale è uno degli esercizi

I DEADLIFTS E LE SUE VARIANTI

Lo stacco-deadlift (DL) 1)chinati verso il basso. 2) Prendi un bilanciere carico. 3) Alzati. Questo è un DL nei termini più semplici. Il DL rafforza

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio