SALE E RITENZIONE IDRICA

Sale e ritenzione idrica/cellulite

Con l’arrivo dell’estate spesso dobbiamo fare i conti la ritenzione idrica e la cellulite, che possono interessare gambe, glutei ma anche l’addome e le caviglie. Questi inestetismi colpiscono prevalentemente il sesso femminile, ma gli uomini non ne sono comunque indenni.
La ritenzione idrica è definita come un accumulo di liquidi negli spazi interstiziali, cioè tra cellula e cellula, causando un edema ovvero un gonfiore localizzato.
La cellulite è un inestetismo, comunemente chiamata pelle a buccia di arancia. Indica un problema a livello del tessuto connettivo, è definita come un aumento del volume delle cellule adipose, identificato come un accumulo di grasso in zone circoscritte del corpo.
Entrambi, sia la cellulite che la ritenzione idrica, sebbene siano due condizioni differenti possono avere più cause comuni, tra cui alimentari e comportamentali.
Cosa fare per ridurre questi inestetismi?
• Il nostro primo alleato è L’ACQUA. Il corpo umano è composto da oltre l’80% di acqua. Per questo motivo bere un’adeguata quantità di acqua al giorno è molto importante per non disidratare il nostro corpo, ma bere acqua è importante anche per ridurre la concentrazione di sodio, che se in eccesso, aumenta la ritenzione idrica.
• Il nostro maggior nemico è invece il SALE. O meglio, il colpevole è la particella di sodio contenuta nel sale. Non tutti sanno che il sale è nascosto in molti alimenti che usiamo quotidianamente, e non basta ridurre quello che usiamo per condire gli alimenti per avere dei benefici. Dobbiamo far attenzione a tutti gli alimenti confezionati addizionati di sodio, e tra questi possiamo trovare anche alimenti dolci. Per questo motivo è molto importante fare attenzione all’etichetta dei prodotti che acquistiamo.
Partendo da questi piccoli accorgimenti è possibile ridurre la ritenzione idrica e la comparsa della cellulite, senza dimenticarci che alla corretta alimentazione è sempre necessario abbinare una costante attività fisica.

DOTTORESSA SUSANNA AGNELLO

Vuoi Imparare a correre
Contattaci Ora!

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Scarpe minimaliste e ….prestazioni

E le prestazioni? I runner scalzi o minimamente calzati tendono ad avere una falcata più corta e più rapida rispetto a chi corre con le

Infortuni e corsa

Infortuni comuni Oh, queste ossa! Le (micro) fratture da impatto siano gli infortuni più diffusi nella corsa. Non c’è da stupirsi se le aziende hanno

tecnica di corsa

Tecnica di corsa, non scarpe Ecco un fatto curioso. Nonostante i produttori di scarpe affermino che le calzature strutturate ci proteggono, queste ultime non hanno

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

obiettivorunning

spotify:show:6b3w8lkpVF0pVNcm9JMsK4

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio