Pro e Contro del Cardiofrequenzimetro

Prima dell’avvento dei Cardiofrequenzimetri, gli atleti dovevano fare riferimento esclusivamente sulle proprie sensazioni , sulla fatica percepita(RPE, Rate of Perceived Exertion) per valutare la corretta andatura di gara o di allenamento.

Questo richiedeva molta esperienza, ma costringeva l’atleta a concentrarsi su di sé, sulle sue sensazioni, una cosa senz’altro positiva.

Con l’utilizzo del cardiofrequenzimetro, l’atleta è portato a concentrarsi solamente sul numero fornito (la frequenza cardiaca), senza associarlo alla fatica percepita. Questo può portare a valutazione errate sia in allenamento o, che è peggio, in gara. Il perché è semplice: la frequenza cardiaca è affetta non solo dall’intensità di allenamento, ma da molti altri fattori, quali la dieta, latemperatura esterna, l’idratazione, lo stress, solo per citarne alcuni.

A volte può capitare che la frequenza cardiaca non aumenta come al solito, ma riusciamo comunque ad esprimere una prestazione di ottimo livello (proporzionalmente alle nostre capacità): non significa nulla, anzi significa che probabilmente stiamo andando in forma.

Negli sport in cui l’intensità di allenamento è determinabile facilmente con altri fattori oggettivi, come la corsa od il nuoto , gli atleti di elite non utilizzano il cardiofrequenzimetro, e questo la dice lunga sull’utilità effettiva di questo strumento.

Ritengo quindi che l’uso del cardiofrequenzimetro sia   quasi sempre superfluo e fornisca una indicazione aggiuntiva per la valutazione dell’allenamento, piuttosto che un parametro fondamentale da controllare.

Alberto Biscardi

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Pliometria per correre più veloci

Pliometria Cos’è l’allenamento pliometrico e in che modo può avvantaggiarti? Oltre al classico strumento di allenamento di resistenza per migliorare la velocità di corsa  negli

Come eseguire un plank corretto

Il semplice Plank può rafforzare gli addominali per aiutare a creare una postura efficace ed equilibrata, ma è necessario farlo bene. Ecco come. L’esercizio della

mobilità,forza,equilibrio nella corsa

Obiettivi misurabili per la mobilità, la forza e l’equilibrio della corsa Autovalutazioni che ogni corridore dovrebbe essere in grado di superare. I corridori sono abili

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio