Pro e Contro del Cardiofrequenzimetro

Prima dell’avvento dei Cardiofrequenzimetri, gli atleti dovevano fare riferimento esclusivamente sulle proprie sensazioni , sulla fatica percepita(RPE, Rate of Perceived Exertion) per valutare la corretta andatura di gara o di allenamento.

Questo richiedeva molta esperienza, ma costringeva l’atleta a concentrarsi su di sé, sulle sue sensazioni, una cosa senz’altro positiva.

Con l’utilizzo del cardiofrequenzimetro, l’atleta è portato a concentrarsi solamente sul numero fornito (la frequenza cardiaca), senza associarlo alla fatica percepita. Questo può portare a valutazione errate sia in allenamento o, che è peggio, in gara. Il perché è semplice: la frequenza cardiaca è affetta non solo dall’intensità di allenamento, ma da molti altri fattori, quali la dieta, latemperatura esterna, l’idratazione, lo stress, solo per citarne alcuni.

A volte può capitare che la frequenza cardiaca non aumenta come al solito, ma riusciamo comunque ad esprimere una prestazione di ottimo livello (proporzionalmente alle nostre capacità): non significa nulla, anzi significa che probabilmente stiamo andando in forma.

Negli sport in cui l’intensità di allenamento è determinabile facilmente con altri fattori oggettivi, come la corsa od il nuoto , gli atleti di elite non utilizzano il cardiofrequenzimetro, e questo la dice lunga sull’utilità effettiva di questo strumento.

Ritengo quindi che l’uso del cardiofrequenzimetro sia   quasi sempre superfluo e fornisca una indicazione aggiuntiva per la valutazione dell’allenamento, piuttosto che un parametro fondamentale da controllare.

Alberto Biscardi

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

piedi scalzi

Esercizi per i piedi

5 esercizi per i piedi per costruire le tue fondamenta Rafforza il core del piede con questi semplici esercizi per prevenire lesioni dai piedi ai fianchi. I muscoli dei piedi e della parte inferiore della gamba sono altrettanto importanti per la tua forma di corsa quanto

Bonking: il muro in maratona

Bonking durante la tua maratona? Ecco perché. Ecco i quattro principali motivi per cui le persone colpiscono il temuto muro nella maratona e come strategizzare

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio