Periostite tibiale

PERIOSTITE TIBIALE

Termine utilizzato per descrivere diversi situazioni caratterizzate da dolore alla zona interno/mediale o anteriore della tibia in particolar modo a metà della lunghezza della stessa.

Per chi corre, la maggior parte delle volte il dolore è dovuto ad un processo infiammatorio al periostio che rivolge la tibia nella zona in cui si inseriscono soleo e tibiale posteriore.

CAUSE:

rigidità o debolezza generica a carico delle strutture muscolotendinee del polpaccio (in particolar modo a carico del soleo e del tendine d’achille) che non permettono di ammortizzare in maniera sufficientemente elastica gli impatti al suolo.

Altre cause/concause anatomiche sono l’eccessiva pronazione, le dismetrie e il soprappeso.

Tra le cause fisiologiche ricordiamo l’incremento eccessivo del carico (per intensità e/o volume) soprattutto se effettuato interamente su asfalto o con molte discese.

COSA PUO’ FARE IL PODISTA:

ai primi sintomi è consigliabile fermarsi per 5-7 giorni, applicando ghiaccio e riprendendo a correre per pochi Km alla volta su superfici
pianeggianti e morbide.

Nel caso in cui i sintomi dovessero continuare è consigliabile rivolgersi a personale qualificato, in particolar modo per una diagnosi differenziale con altre patologie possibili.

RITORNO ALLA CORSA e PREVENZIONE:

solitamente chi prende in cura questo tipo di infortunio dovrebbe essere in grado di individuare le cause (in particolar modo quelle anatomiche, se ci sono) e consigliare un’adeguata prevenzione secondaria.

In particolar modo se la causa è stata primariamente dovuta all’eccessiva rigidità, è importante ricercare con l’allenamento e l’allungamento muscolare un’adeguata elasticità muscolare del compartimento del polpaccio.

ricordiamo infatti che l’elasticità ideale è data dal giusto compromesso tra estensibilità e forza degli arti inferiori, quindi un corretto adeguamento tra gli allenamenti neuromuscolari e lo stretching è in grado di assicurare un livello ottimale di elasticità.

A livello anatomico, se la causa è stata dovuta all’iperpronazione è da considerare l’utilizzo di plantari adeguati.

Vuoi Imparare a correre
Contattaci Ora!

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Scarpe minimaliste e ….prestazioni

E le prestazioni? I runner scalzi o minimamente calzati tendono ad avere una falcata più corta e più rapida rispetto a chi corre con le

Infortuni e corsa

Infortuni comuni Oh, queste ossa! Le (micro) fratture da impatto siano gli infortuni più diffusi nella corsa. Non c’è da stupirsi se le aziende hanno

tecnica di corsa

Tecnica di corsa, non scarpe Ecco un fatto curioso. Nonostante i produttori di scarpe affermino che le calzature strutturate ci proteggono, queste ultime non hanno

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

obiettivorunning

spotify:show:6b3w8lkpVF0pVNcm9JMsK4

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio