Le differenti fibre muscolari

E’ interessante, per lo sportivo, sapere che esistono differenti tipologie di fibre muscolari: un tipo di fibre lente (ST), e due tipi di fibre veloci (FTA e FTX). La differenza tra le varie fibre, a livello microscopico, è determinata da una subunità della miosina, chiamata catena pesante della miosina (MHC, miosin heavy chain).

Le fibre si differenziano per la percentuale dei vari tipi di MHC che contengono.

  • Le fibre ST, dette anche fibre lente, che contengono principalmente la miosina MHC I, utilizzano principalmente il meccanismo di produzione aerobico dell’energia, e si contraggono più lentamente rispetto alle fibre veloci, ma si affaticano molto più lentamente.
  • Le fibre veloci si differenziano in due:
  • le fibre FTA sfruttano un metabolismo misto, aerobico e glicolitico (anaerobico lattacido) per produrre energia, possono contrarsi con una frequenza più elevata rispetto alle fibre lente, e quindi generano una maggior quantità di forza, ma si affaticano più velocemente.

    Le fibre FTX sono quelle che producono la maggior quantità di forza, e si affaticano più rapidamente, perché utilizzano prevalentemente il meccanismo anaerobico lattacido per produrre energia.

È interessante sottolineare che il reclutamento muscolare avviene in maniera progressiva: a seconda della richiesta di forza, prima entrano in azione le fibre lente (ST), poi le fibre veloci FTA e solo se la richiesta di forza è massima, le FTX.

Dunque, se lo sforzo è di media o bassa intensità, le fibre veloci non entrano mai in azione. Questo non è del tutto vero perché per sforzi molto prolungati, man mano che le fibre lente esauriscono le scorte di energia (e quindi non possono più contrarsi e partecipare allo sviluppo della forza), queste vengono rimpiazzate dalle fibre veloci, che in questo modo vengono sfruttate anche se la richiesta di forza non è massimale. È sicuramente un modo intelligente dell’organismo per dare fondo a tutte le sue risorse per continuare la prestazione il più possibile. Questa caratteristica è sfruttata per allenare la potenza lipidica con opportuni metodi di allenamento.

L’allenamento aerobico tende a trasformare, o meglio a rendere funzionalmente simili, le fibre FTX alle fibre FTA, adattando in qualche misura la struttura del il muscolo alla prestazione richiesta negli allenamenti. Questo non avviene al contrario, cioè le fibre lente non possono trasformarsi (o rendersi funzionalmente simili) in fibre veloci.

La percentuale di fibre lente e veloci dipende dal tipo di muscolo (per esempio, nel polpaccio sono prevalenti le fibre lente, nel quadricipite la ripartizione è circa uguale), e da soggetto a soggetto, è una caratteristica individuale, dipendente dalla genetica dell’atleta.

Si può dunque dire che si nasce velocisti o fondisti, almeno dal punto di vista muscolare, a seconda delle caratteristiche individuali che determinano la proporzione tra fibre lente e veloci.

Alberto Biscardi

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Billat’s training

Allenamento della settimana: Billat’s 30-30 I migliori corridori possiedono due caratteristiche chiave: un alto VO2 max (cioè un’elevata capacità di consumare ossigeno durante la corsa) un grande risparmio energetico

Il recupero post maratona

L’importanza del recupero dopo la maratona Dopo mesi di allenamento e 42,2 km, il recupero dovrebbe essere la tua preoccupazione principale.   Uno dei più grandi errori commessi dai

gare

Parola d’ordine: velocità

Allenamento di velocità 1 Quando si introduce il lavoro di velocità in un programma di allenamento, è importante farlo in sicurezza. Correre più velocemente ti

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio