Le contratture

CONTRATTURE

Per contrattura da sport si intende l’aumento involontario e permanente del tono muscolare (che può durare al massimo 3-7 giorni) durante o a seguito dell’attività sportiva.

Alcuni la considerano come una “lesione muscolare” (di gravità inferiore dello stiramento), ma non necessariamente si presentano elongazioni o parziali rotture di fibre che testimoniano elementi lesivi.

L’ipertono muscolare è il fenomeno più importante che caratterizza questo lieve infortunio (i cui sintomi non sono comunque da sottovalutare), ma non raggiunge i livelli del crampo.

CAUSE:

Effettuare sforzi fisici ai quali non si è adeguatamente preparati è la causa fisiologica principale di una contrattura da sport.

Ovviamente esistono persone maggiormente predisposte (chi è dotato di tono muscolare maggiore), ma è possibile che questa avvenga anche a causa di una lesione
articolare o di un piccolo stiramento.

In questi ultimi casi, l’ipertono è un fenomeno di natura antalgica, cioè che tende a ridurre il dolore causato da un tipo di lesione articolare o muscolare.

Altre cause anatomiche possono essere i soliti squilibri muscolari, le dismetrie degli arti, eccessiva pronazione/supinazione dei piedi o eccessivo varismo/valgismo delle ginocchia.

Soggetti che sentono particolarmente la tensione emotiva possono somatizzare determinate situazioni con aumenti del tono muscolare che possono sfociare in crampi o contratture.

COSA PUO’ FARE IL PODISTA:

la prima cosa è quella di astenersi da tutte le attività che rechino dolore o fastidio alla zona interessata.

Il riposo (nel caso di una contrattura in cui sono assenti lesioni articolari e muscolari) per 3-7 giorni solitamente garantisce una completa guarigione.

se dopo tale periodo non si è guariti è consigliabile farsi vedere da uno specialista per verificare la presenza di lesioni o di una sindrome mio-fasciale.

In ogni modo, tutte quelle attività che permettono di distendere, rilassare e migliorare il recupero muscolare sono in grado di velocizzare i tempi di guarigione in assenza di lesioni.

RITORNO ALLA CORSA e PREVENZIONE:

Solitamente alla scomparsa dei sintomi è possibile tornare al solito allenamento; un’attività aerobica blanda (purchè non induca fastidio e dolore) è in grado di velocizzare il recupero muscolare.

Una corretta metodologia d’allenamento che permetta al podista un giusto dosaggio tra carico e recupero mette il podista al “sicuro” da possibili contratture a meno di particolari cause anatomiche.

Nel caso di frequenti contratture è necessario rivolgersi ad uno specialista per identificare le cause anatomiche ed agire di conseguenza.

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Allenare la salita…senza la salita!

Cosa fare se non si hanno a disposizione salite? Credo sia una domanda che molti trailer (ed amanti della corsa in montagna) si siano fatti.

Come andare forte in salita

Come allenarsi per andar forte in salita L’allenamento specifico gioca un ruolo fondamentale! Gli allenamenti da preferire sono: Le ripetute in salita (medie e lunghe) Il fartlek

FARTLEK in diagonale

Fartlek diagonali Dette anche semplicemente “diagonali”, solitamente viene effettuato su un campo da calcio (o prato con caratteristiche similari) seppur in condizioni decenti, preferibilmente con poca

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti