La programmazione:Carico, scarico e competizioni

La programmazione:Carico, scarico e competizioni

Tutti sanno che nella programmazione solo una corretta alternanza tra carico e recupero permette di migliorare nel tempo la propria condizione.

È da precisare che gli allenamenti di “carico” sono quelli che permettono di dare all’organismo un adeguato stimolo allenante in grado di innalzare la sua condizione dopo il recupero successivo.

La “fase di recupero” invece è il periodo di tempo che intercorre tra 2 allenamenti di “carico”.

Ovviamente durante la fase di recupero è possibile allenarsi, ma facendo carichi che per l’atleta siano leggeri, permettendo di facilitare il recupero.

Preciso che la supercompensazione (cioè l’incremento di condizione) non dipende solamente dalla durata del tempo di recupero, ma anche da quanto è stato impegnativo l’allenamento e da come l’atleta gestisce questa fase.

Nel nostro articolo dedicato al recupero, potrete vedere tutte le variabili che influenzano questa fase importante.

“Run hard in your hard days and run easy in your easy days”

Questa frase è spesso ripetuta nei siti americani che parlano di allenamento per la corsa, e credo incarni piuttosto bene il concetto di come nei giorni di carico sia importante dare uno stimolo allenante che permetta di incrementare la condizione, ma allo stesso tempo, nei giorni in cui sono previsti allenamenti leggeri si limiti l’intensità dello sforzo (indipendentemente dalla durata).

Appare quindi evidente come sia errata la convinzione che “spingere” ad ogni allenamento possa essere produttivo.

Non solo, un incremento troppo rapido del chilometraggio settimanale può aumentare il rischio di infortuni.

Di conseguenza, chi si allena oltre un certo livello d’impegno, è bene inserisca ogni 2-3 settimane, una settimana più leggera detta di “scarico”.

Per chi invece ha molto tempo e voglia di allenarsi, piuttosto che incrementare in maniera errata il carico, è consigliabile dedicarsi anche ad attività complementari come il cross training.

Lo scarico pre-gara

Le gare a cui si tiene particolarmente è necessario farle precedere da un periodo di scarico (cioè di allenamenti più leggeri) che permettano di attuare con certezza la supercompensazione.

Infatti, non tutti i sistemi dell’organismo recuperano alla stessa “velocità”.

Facciamo un esempio:

gli elementi cellulari responsabili della produzione di energia (cioè legati al metabolismo) recuperano più velocemente rispetto agli elementi contrattili delle fibre muscolari.

Questo perché più un sistema biologico è complesso, tanto più necessita di tempo affinchè avvenga la supercompensazione.

Non a caso, nelle tabelle d’allenamento c’è sempre alternanza tra stimoli di intensità (fartlekripetute, ecc.) e di durata (lunghi, medi, ecc.).

È quindi logico comprendere come prima di una gara che si reputa importante, sia necessario qualche giorno in più di recupero rispetto al solito.

Più è lunga la gara e più lungo deve essere lo scarico.

Il periodo di scarico pre-gara, in letteratura internazionale viene definito “Tapering”.

Di norma, in questo intervallo di tempo c’è una riduzione del volume d’allenamento (cioè dei Km) a tutte le intensità.

Praticamente è come se la settimana d’allenamento tipo venisse svolta “in miniatura”.

Il vantaggio di questo approccio (rispetto al normale mantenimento del proprio regime d’allenamento) è stato quantificato in media del 2-3% (Latter 2014) di incremento prestativo, qualcosa come 65-70” sul tempo finale, per un runner che corre i 10 Km in 45’.

Esiste comunque una certa differenza tra podista e podista; sono portati a beneficiare maggiormente del tapering, runner di caratteristiche veloci, piuttosto che runner di caratteristiche resistenti.

Massimo numero di gare

Correre al 100% a troppe gare rende difficoltoso e lungo il tempo di recupero, non permettendo di svolgere correttamente gli allenamenti settimanali e quindi impedendo il costante incremento dello stato di forma.

Partecipare ad una competizione cercando di dare il meglio di sé stessi, permette al proprio organismo di mobilitare al meglio tutte le proprie risorse energetiche ed ottimizzare il regime di contrazione muscolare; per questo motivo in gara, quando si è particolarmente motivati, si riesce a dare molto di più che in allenamento.

L’altra faccia della medaglia (soprattutto se la gara è lunga) è che queste situazioni richiedono un maggiore tempo di recupero perché mobilitano una quantità elevata di risorse ormonali (adrenalina, noradrenalina, ecc.) e nervose, maggiori di quelle mobilitate in allenamento.

Inoltre, il gareggiare spesso al massimo delle proprie possibilità, porta ad una desensibilizzazione agli stimoli adrenergici, una sorta di “assuefazione” agli stimoli della competizione, che faranno sentire l’atleta più spossato e meno motivato, oltre ad incrementare il rischio di infortuni.

Per questo motivo, è ragionevole ipotizzare come 4-5 gare al massimo delle proprie possibilità siano la condizione ideale per ogni stagione.

Ovviamente il numero può variare in base alla distanza di ognuna (ad esempio non si possono correre 4-5 maratone nell’arco di 4-5 mesi), dal tipo di preparazione affrontata e dalla tipologia di atleta.

Non rientrano in questo “conteggio” le gare effettuare “non al massimo del proprio impegno”; infatti, il correre una competizione all’85-90% delle proprie possibilità, avvicina questa alle caratteristiche di un allenamento, permettendo di dare comunque stimoli specifici ed allo stesso tempo relativamente brevi da recuperare.

 

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

La giusta postura durante la corsa

postura corretta per correre Durante la corsa è importante guardare in avanti, puo’ sembrare scontato, ma è un errore piuttosto comune guardare in basso mentre

Il foam roller e la pallina

Foam Roller ll foam roller è un’attrezzatura cilindrica utilizzata per l’automassaggio di 13-14 cm di diametro e di 30-35 cm di lunghezza. A cosa serve?

Allenamento a digiuno

Allenamento a digiuno   L’allenamento a digiuno è una strategia che ha lo scopo di ridurre il grasso corporeo e di ottenere benefici a livello psicofisico.

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

obiettivorunning

spotify:show:6b3w8lkpVF0pVNcm9JMsK4

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio