LA GARA (alimentazione corretta)

Ciò che mangiate, quando, quanto e come  può influire in maniera positiva o negativa sulla prestazione di una gara.

Gli atleti ben allenati accumulano nei muscoli fino a 720 grammi di carboidrati, i non allenati solo 280 grammi.

Mangiando carboidrati a sufficienza nei giorni che precedono la gara si creano le scorte di glicogeno nei muscoli, consolidate da cibi di facile digestione assunti poche ore prima.

Cosa devo mangiare ?

Mangiate cibi ricchi di carboidrati e poveri di grassi come pane e pasta.

Evitate le proteine grasse , come il formaggio o la carne rossa , perchè si digeriscono in tempi lunghi.

Scegliete sopratutto alimenti che hanno fatto parte della vostra alimentazione durante gli allenamenti, senza cambiare o stravolgere le dieta all’ultimo momento.

Qual è il momento migliore per mangiare?

Dipende da quando inizia la gara, ma non fate mai un pasto abbondante poco prima della stessa, in quanto il sangue affluira’ ai muscoli durante lo sforzo e lo stomaco ne risentira’.

Lo stomaco si trovera’ con l’80% di sangue in meno e la digestione molto più lenta non consentira’ al corpo di trarre vantaggio dei nutrienti in esso contenuti.

Riassumendo:

  • 24 ore prima: aumentate l’assunzione di liquidi.
  • 18 ore prima:fate piccoli pasti ogni 2-3 ore ricchi di carboidrati
  • 12 ore prima: evitate sale e grassi
  • 2-4 ore prima: fate un piccolo pasto ricco di carboidrati da 500-1000 kcal
  • 1 ora prima: barretta energetica
  • 5-15′ prima: bevanda energetica

Buon allenamento

 

Vuoi Imparare a correre
Contattaci Ora!

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

omega 3

Gli Omega 3

gli omega 3 Gli acidi grassi Omega-3 sono incredibilmente importanti in quanto offrono tanti benefici per la salute del corpo e del cervello. Non è

nike vaporfly

NIKE VAPORFLY: la scarpa dei record

NIKE VAPORFLY: LA SCARPA DEI RECORD Nike Vaporfly, il modello di scarpe che dal 2016 ha permesso di abbattere 2 record del mondo in maratona

allenamento

L’allenamento polarizzato

L’allenamento Polarizzato è l’ideale anche per gli amatori? Nel 2010 Stephen Seiler pubblicò uno studio intitolato What is Best Practice for Training Intensity and Duration Distribution in Endurance

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio