LA FASCITE PLANTARE

La fascite plantare è un processo infiammatorio a carico del cosiddetto legamento arcuato, altrimenti noto come fascia plantare.

E’ una patologia relativamente frequente; rappresenta circa il 10% di tutte le patologie che interessano il piede ed è una delle più comuni cause di dolore al tallone. I soggetti maggiormente interessati dal problema sono i praticanti sport quali la corsa, il basket, il calcio, la pallavolo, il salto in lungo.  E’ una fascia particolarmente robusta costituita da tessuto fibroso che origina dal calcagno e finisce su tutte le falangi prossimali. Anatomicamente e funzionalmente parlando, la fascia plantare presenta una continuità con il tendine calcaneale detto anche, più comunemente, tendine di Achille.

La fascite plantare può manifestarsi sia a livello del Calcagno sia a livello del Mesopiede.

La causa principale dell’ infiammazione va ricercata nelle modificazioni degenerative, connesse a microtraumi ripetuti, che interessano il legamento arcuato: eccessiva sollecitazione del tallone, ridotta estensibilità del tendine d’Achille, caratteristiche anatomiche ( piede piatto o cavo), aumento del chilometraggio.

I fattori di rischio sono : età, sesso (il problema interessa maggiormente i soggetti di sesso femminile),tipologia di sport, patologie varie (diabete), calzature inadeguate (scarpe troppo larghe, suole eccessivamente sottili).

La fascite plantare è un disturbo piuttosto comune nel runner : in molti casi il problema è riconducibile al sovraccarico sportivo. La cosa poi è in genere aggravata dal fatto che i ritmi di corsa sono lenti con appoggio totale del piede e maggiore pressione. Paradossalmente, un ritmo veloce e molto più impegnativo, avendo un tempo d’appoggio minore, sollecita meno il fascio plantare.

  • COME SI MANIFESTA: dolore al mattino (si attenua dopo qualche minuto), dolore alla pressione, dolore allo stiramento della fascia, dolore nella sollecitazione meccanica (corsa).
  • DIAGNOSI: si basa sull’anamnesi e l’esame obiettivo che mette in evidenza dolori alla palpazione e allo stiramento della fascia. Eventuali indagini strumentali servono per escludere altre condizioni patologiche con manifestazioni cliniche simili (speroni calcaneari, problematiche reumatologiche o nervose).
  • CURA: riposo, stretching, crioterapia, antinfiammatori (fase iniziale).

Se il dolore persiste può essere utile ricorrere alla valutazione fisioterapica ,podologica e ortopedica.

Dr. Enrico Paris

Fisioterapista Sportivo

Fisioterapista  ACF Fiorentina Primavera

Studio Fisioterapico «Fisioterapia Calenzano»

Via del Lago 42, Calenzano   Cell: 3338342477

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Allenare la salita…senza la salita!

Cosa fare se non si hanno a disposizione salite? Credo sia una domanda che molti trailer (ed amanti della corsa in montagna) si siano fatti.

Come andare forte in salita

Come allenarsi per andar forte in salita L’allenamento specifico gioca un ruolo fondamentale! Gli allenamenti da preferire sono: Le ripetute in salita (medie e lunghe) Il fartlek

FARTLEK in diagonale

Fartlek diagonali Dette anche semplicemente “diagonali”, solitamente viene effettuato su un campo da calcio (o prato con caratteristiche similari) seppur in condizioni decenti, preferibilmente con poca

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti