I Saliscendi

L’alternare salite e discese a ritmi medi è un forte stimolo allenante per tutte le componenti neuromuscolari del podista (Forza e Velocità), unitamente alle componenti metaboliche.

SCHEMA D’ALLENAMENTO

Lo schema principale prevede di trovare un tratto di strada circolare con 1 salita, 1 discesa e 2 tratti pianeggianti di raccordo, corrispondenti ai Lati dello schema (vedi figura sotto).

I lati possono essere di una distanza compresa tra 200/450m.

Ovviamente non è necessario trovare un sistema di strade così preciso…..è sufficiente trovare 1 salita e una discesa e 2 strade di raccordo prevalentemente pianeggianti.

Solitamente è facile trovare uno schema del genere nei paesi
sistemati sui versanti delle colline/montagne.

Appare ovvio che l’allenamento consiste (dopo un adeguato riscaldamento) di seguire la direzione delle frecce.

Le varianti principali sono 4 e sono relative alle intensità di percorrenza dei vari lati.

VARIANTE 1: si corrono i lati 1 e 3 ad intensità elevata (sovrapponibile a quella che si tiene in una gara di 5000m) e i lati 2 e 4 di corsa blanda.

L’effetto è particolarmente marcato nei confronti della Forza (Lato 3) e della Velocità (Lato 1).

Durata di una seduta: la prima volta è possibile eseguire anche solo 20’ (essendo corsa ad
inizio preparazione), passando poi a 25-30’ la seconda volta e 35-40’ la terza.

VARIANTE 2: si corrono i lati 2 e 4 ad intensità elevata (sovrapponibile a quella che
si tiene in una gara di 5000m) e i lati 1 e 3 di corsa blanda.

Lo stimolo biologico, in questo
caso sarà quello di lavorare sulla Velocità di Gara (RG5000m e RG10Km) in condizione di
fatica, visto che (anche se corse di corsa blanda) la salita e la discesa comportano sempre un piccolo affaticamento dei muscoli.

Durata di una seduta: si parte da 40’ e si può arrivare fino all’ora.

VARIANTE 3: si corrono i lati 1 e 3 ad intensità media (sovrapponibile a quella che si tiene in una gara di 21Km) e i lati 2 e 4 di Corsa Lenta.

A differenza del protocollo 1a, i tratti 2-4 vengono fatti di CL, che è più elevata della Corsa Blanda.

In altre parole, rispetto a 1a la differenza (forbice) in intensità tra i vari tratti è inferiore.

Questo permette di lavorare anche sulle componenti metaboliche (in regime di fatica muscolare), applicare alle gare con salite/discesa.

Durata di una seduta: considerandolo un allenamento specifico per la gara, è da correre anche in base alla lunghezza delle competizioni preparate.

Si può andare quindi dai 50’ ai 70’.

VARIANTE 4: si corrono i lati 2 e 4 ad intensità media (sovrapponibile a quella che si tiene in una gara di 21Km) e i lati 1 e 3 di Corsa Lenta.

Durata di una seduta:  Un
volume di 50-70’ può considerarsi adeguato.

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Corsa e Cartilagini

No, la corsa non consuma la cartilagine. Rafforza le articolazioni. Una nuova analisi di numerosi studi fa luce su come, contrariamente alla credenza popolare, la

L’ultimo mese prima della maratona

Le maratone autunnali sono incombenti e decine di migliaia di corridori si stanno finalmente preparando a fare la fila per vedere cosa possono fare dopo

Sua maestà la proteina

La proteina Regola 1: Punta in alto Come corridore, probabilmente non hai bisogno di riempire tante proteine come Arnold Schwarzenegger durante il suo periodo di

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio