I principali errori del runner -parte seconda

ERRORE N° 4

rifiutarsi di modificare l’allenamento in caso di carente (e inaspettata)
condizione di forma

Uno degli errori più gravi di un corridore è quello di non essere (o non voler) in grado di aggiustare gli allenamenti durante l’esecuzione degli stessi.

Alcune variabili inaspettate come modificazioni atmosferiche, affaticamenti a lungo termine e stress extrasportivi possono richiedere aggiustamenti “in corso d’opera” degli allenamenti.

Riportiamo sotto 2 esempi molto semplici:

  •  Quando la temperatura è elevata (o tende ad essere superiore rispetto alle normali condizioni) è necessario rallentare
    l’andatura dei vari ritmi di allenamento, perché l’organismo tende a “limitare” le risorse per evitare di andare precocemente in crisi.

Il non assecondare queste esigenze (senza rallentate opportunamente i ritmi di allenamento) comporta un esaurimento precoce delle energie.

  •  Stessa cosa vale per l’esecuzione delle ripetute: se dopo un certo numero di esecuzioni non si riesce più a tenere il ritmo
    prestabilito (che deve ovviamente tenere in considerazione delle condizioni esterne) allora conviene fermarsi, senza intestardirsi nel voler finirle a tutti i costi.

quest’ultimo atteggiamento infatti, porterebbe a prolungare oltremodo i tempi necessari per il recupero.

Di contro, riportiamo uno degli aspetti dell’allenamento degli atleti africani che stupisce maggiormente, cioè il poco (o addirittura “non”) utilizzo del cronometro per “leggere” i ritmi di allenamento.

In altre parole, i giorni in cui stanno bene forzano l’andatura dell’allenamento teorico da effettuare, mentre i giorni in cui non si sentono in forma tendono a rallentare il ritmo.

Questa forma di allenamento abbastanza istintiva permette di ottimizzare correttamente l’impegno dell’allenamento a seconda del grado di forma!

Concludendo, è necessario comprendere che gli allenamenti sono il “mezzo” attraverso il quale si costruiscono i risultati della gara, e non il fine di ogni corridore.

Utilizzare il proprio istinto (dato dall’esperienza e capacità di adattamento), grazie alla percezione dello sforzo, è possibile ottimizzare il proprio allenamento programmato in base alla propria situazione giornaliera.

Questo ovviamente vale esclusivamente per le sedute di carico (cioè quelle significative) e non deve essere una “scusa”
per evitare (o tagliare) le sedute più impegnative quando si sta comunque bene.

Vuoi Imparare a correre
Contattaci Ora!

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Scarpe minimaliste e ….prestazioni

E le prestazioni? I runner scalzi o minimamente calzati tendono ad avere una falcata più corta e più rapida rispetto a chi corre con le

Infortuni e corsa

Infortuni comuni Oh, queste ossa! Le (micro) fratture da impatto siano gli infortuni più diffusi nella corsa. Non c’è da stupirsi se le aziende hanno

tecnica di corsa

Tecnica di corsa, non scarpe Ecco un fatto curioso. Nonostante i produttori di scarpe affermino che le calzature strutturate ci proteggono, queste ultime non hanno

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

obiettivorunning

spotify:show:6b3w8lkpVF0pVNcm9JMsK4

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio