I CIBI MIRACOLOSI…..?!!?!?

L’Unione Europea già dal 2007 vieta la commercializzazione di qualsiasi alimento con il termine “superfood”, a meno che le sue proprietà benefiche non siano state provate da analisi scientifiche e sia stata data espressamente l’autorizzazione da parte dell’EFSA (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare).

La stragrande maggioranza dei superfood sono alimenti tali e quali agli altri, con le loro caratteristiche nutritive in termini di macro e micro nutrienti molto simili a quelle di un qualsiasi altro alimento appartenente alla stessa categoria, che sia frutta o verdura.

Stiamo parlando fondamentalmente di vitamine e sali minerali nelle stesse dosi naturalmente presenti in qualsiasi altro alimento, o magari in dosi più elevate, ma che in ogni caso non guariscono alcuna patologia, né prevengono dalla sua insorgenza, non aumentano alcuna prestazione intellettuale o fisica, insomma non servono a nulla, se non a fornire una dose più o meno elevata di quel determinato nutriente.

Il concetto da tenere a mente è che l’effetto dell’alimentazione sulla nostra salute va valutata nel suo complesso, e, cosa non trascurabile, in un tempo medio-lungo. Il mito del singolo cibo che assunto regolarmente può regalarci chissà quali benefici, risale alla notte dei tempi ed è ancora un metodo che funziona benissimo per far guadagnare società, aziende farmaceutiche, industrie alimentari… Ma purtroppo sempre mito rimane.

Sicuramente ve ne ricorderete alcuni:

SUCCO DI BARBABIETOLE: per riequilibrare la pressione sanguigna.

TE VERDE: avrebbe svariate proprietà tra cui quelle di curare la malattia di Crohn, la malattia di Parkinson, le malattie del cuore e dei vasi sanguigni, il diabete, la pressione bassa, la sindrome da stanchezza cronica, la carie dentale, i calcoli renali e i danni alla pelle.

BACCHE DI GOGI: definite il frutto antinvecchiamento, il frutto della lunga vita.

BACCHE DI ACAI: consigliate per l’artrosi, il colesterolo alto, la disfunzione erettile, l’obesità.

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Billat’s training

Allenamento della settimana: Billat’s 30-30 I migliori corridori possiedono due caratteristiche chiave: un alto VO2 max (cioè un’elevata capacità di consumare ossigeno durante la corsa) un grande risparmio energetico

Il recupero post maratona

L’importanza del recupero dopo la maratona Dopo mesi di allenamento e 42,2 km, il recupero dovrebbe essere la tua preoccupazione principale.   Uno dei più grandi errori commessi dai

gare

Parola d’ordine: velocità

Allenamento di velocità 1 Quando si introduce il lavoro di velocità in un programma di allenamento, è importante farlo in sicurezza. Correre più velocemente ti

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio