FITORODIOLA

FITORODIOLA:

cos’è, quando e perché assumerla, effetti collaterali

 

La Fitorodiola è un integratore alimentare a base di rodiola (Rhodiola rosea), pianta officinale utilizzata da migliaia di anni come rimedio fitoterapico: la sua radice, dalle proprietà energizzanti e rinvigorenti di mente e corpo, era un ingrediente molto diffuso nella medicina russa e cinese.

Nella radice di rodiola sono presenti diversi composti farmacologicamente attivi: glicosidi, acidi organici, flavonoidi, catechine, proantocianidine, tannini.

Sono questi a regalare alla pianta le sue numerose proprietà, anche se il principio attivo di maggior rilevanza è il salidroside o rodioloside,

 

Gli integratori alimentari a base di rodiola sono spesso indicati nei casi di eccessivi sforzi psicofisici, in quanto contrasta gli effetti negativi del cortisolo.

In condizioni di stress fisico o mentale il nostro organismo risponde aumentando la produzione di cortisolo (per questo chiamato “ormone dello stress”), che interviene mantenendo le funzioni vitali in equilibrio e riducendo quelle superflue.

Se, una volta terminata la situazione “d’allarme”, il cortisolo non si riassetta su livelli normali, si può andare incontro a ipercortisolemia.

Un’eccessiva produzione di questo ormone comporta l’aumento della gittata cardiaca con conseguente ipertensione, favorisce la degradazione del glicogeno aumentando la glicemia, aumenta il catabolismo proteico indebolendo la massa muscolare, accelera lo stoccaggio di acidi grassi e riduce le difese immunitarie.

 

Sempre in relazione allo stress, la rodiola favorisce l’adattamento del corpo ai fattori che ne sono causa.

Stimolando il sistema simpatico, aumenta la produzione di dopamina, serotonina, adrenalina e norarenalina, ormoni che mantengono l’equilibrio dei processi metabolici dell’organismo (in particolare di fegato, cuore e muscoli) e migliorano le funzioni intellettuali (aiutano la memoria e la concentrazione, oltre ad avere un effetto antidepressivo).

 

L’integrazione con Fitorodiola è un’ottima strategia per migliorare le prestazioni e il recupero per chi pratica sport di endurance a medio-bassa intensità, come il podismo.

L’ideale sarebbe assumerla nel periodo di preparazione a una gara, durante il quale aumentano i livelli di stress fisico e mentale e la frequenza e l’intensità degli allenamenti.

Le proprietà benefiche che portano a consigliare l’integrazione con Fitorodiola sono:

  • Diminuzione dei sintomi della fatica e della stanchezza
  • Aumento della resistenza fisica
  • Accelerazione del recupero muscolare post sforzo
  • Aiuto nel mantenimento di concentrazione e lucidità durante la performance
  • Effetto cardioprotettivo
  • Stimolo delle difese immunitarie
  • Miglioramento della qualità del sonno.

 

Il prodotto può essere acquistato in farmacia o erboristeria in forma di compresse, polveri in bustina, tintura madre in flaconcini, oli essenziali..

La dose da assumere giornalmente e la durata del trattamento devono essere personalizzati in base alle esigenze e alle caratteristiche di chi ne fa uso, preferibilmente da concordare con il medico o il farmacista.

Pur essendo un composto generalmente ben tollerato e sicuro dal punto di vista tossicologico, è opportuno ricordare che gli integratori alimentari contenenti estratti di origine vegetale (in questo caso la radice di rodiola), non sono del tutto innocui, in quanto possiedono principi attivi che hanno vera e propria attività farmacologica: possono stimolare o inibire la produzione di determinati ormoni, agire su alcune funzioni metaboliche, interferire con il metabolismo dei farmaci.

La Fitorodiola in particolare può interferire con l’azione di antidepressivi, stabilizzanti dell’umore e diuretici antipertensivi: inibisce l’attività dell’enzima deputato al metabolismo di questi farmaci, quindi ne aumenta sia l’effetto primario che gli effetti collaterali.

È inoltre sconsigliato l’utilizzo in gravidanza e allattamento, e in soggetti che soffrono di disturbi del sonno e nervosismo, perché può causare insonnia e irritabilità.

 

Vuoi Imparare a correre
Contattaci Ora!

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Scarpe minimaliste e ….prestazioni

E le prestazioni? I runner scalzi o minimamente calzati tendono ad avere una falcata più corta e più rapida rispetto a chi corre con le

Infortuni e corsa

Infortuni comuni Oh, queste ossa! Le (micro) fratture da impatto siano gli infortuni più diffusi nella corsa. Non c’è da stupirsi se le aziende hanno

tecnica di corsa

Tecnica di corsa, non scarpe Ecco un fatto curioso. Nonostante i produttori di scarpe affermino che le calzature strutturate ci proteggono, queste ultime non hanno

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

obiettivorunning

spotify:show:6b3w8lkpVF0pVNcm9JMsK4

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio