Corsa e Cartilagini

No, la corsa non consuma la cartilagine. Rafforza le articolazioni.

Una nuova analisi di numerosi studi fa luce su come, contrariamente alla credenza popolare, la corsa possa effettivamente costruire una cartilagine più forte. Ecco cosa significa per l’allenamento sulle articolazioni artritiche.

Numerosi studi hanno dimostrato che, contrariamente a quanto i tuoi amici sedentari a volte possono sostenere, la corsa non causa l’artrite.

Una nuova ricerca mostra, infatti, che la corsa può effettivamente aiutare a rafforzare le articolazioni contro l’usura futura, afferma Jean-Francois Esculier, leader della ricerca e sviluppo per The Running Clinic (con sede vicino a Montreal, in Canada) e professore di medicina presso l’Università della British Columbia.

Una delle principali scoperte di questi studi, dice, è stata che l’impatto della corsa spreme l’acqua dalla cartilagine e nell’osso sottostante.

Ciò significa che una risonanza magnetica effettuata immediatamente dopo l’esecuzione mostrerà una diminuzione dello spessore della cartilagine.

Quindi, Esculier dice: “Se vuoi dire che correre è male, puoi mostrare uno studio che dimostra che riduce lo spessore della cartilagine”.

Ma l’effetto è transitorio e innocuo, dice, perché nel momento in cui finisci la corsa, la cartilagine inizia a riassorbire l’acqua e ad espandersi di nuovo alla normalità. “Ci vuole solo un’ora”, dice.

In effetti, dice, correre può effettivamente essere utile.

Storicamente, dice Esculier, a medici, ricercatori e corridori è stato insegnato che la cartilagine è semplicemente quello che è e non risponderà all’allenamento.

“Ma ora sappiamo che la cartilagine può adattarsi”, dice. “Anche con i corridori alle prime armi, dopo solo 10 settimane, si vedono cambiamenti nella cartilagine in modo che possa effettivamente tollerare più carico”.

Quello che sta succedendo, dice, è un effetto collaterale di avere il liquido spremuto dalla cartilagine nell’osso sottostante. Quando ritorna, dice, porta con sé sostanze nutritive che nutrono la cartilagine e la rendono più forte.

“Quindi non solo correre non fa male alle articolazioni, ma in realtà è buono per le articolazioni”, dice.

Non sono solo i principianti le cui articolazioni possono rafforzarsi con l’uso.

Studi su corridori più esperti, dice, suggeriscono che hanno sviluppato una cartilagine che è più resistente al tipo di impatti osservati nella corsa rispetto a quella dei non corridori.

knee cartilage strengthening
La cartilagine può adattarsi e ricostruirsi attraverso il movimento e la compressione. (Foto: Getty Images)

Forza di supporto

E’ anche importante lavorare sul rafforzamento dei muscoli che sostengono il ginocchio (o qualsiasi altra articolazione artritica).

Per aiutare il lavoro del processo di rafforzamento, aggiunge Esculier, dovresti anche andare con parsimonia sull’ibuprofene o altri farmaci antinfiammatori. L’infiammazione che causa dolore fa parte di ciò che segnala al corpo di riparare, ricostruire e (si spera) rafforzare, quindi spegnerlo prematuramente interrompe anche il processo di rafforzamento.

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

L’ultimo mese prima della maratona

Le maratone autunnali sono incombenti e decine di migliaia di corridori si stanno finalmente preparando a fare la fila per vedere cosa possono fare dopo

Sua maestà la proteina

La proteina Regola 1: Punta in alto Come corridore, probabilmente non hai bisogno di riempire tante proteine come Arnold Schwarzenegger durante il suo periodo di

Carbo loading

Il carbo-loading funziona davvero? Il caricamento di carboidrati e grassi ha dimostrato di funzionare, ma solo per alcune gare e con i suoi effetti collaterali.

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio