Carico interno e carico esterno

Prendiamo due podisti A e B che svolgono le seguenti due sedute di allenamento:

  • A: fondo medio a ritmo di 4’ al km su percorso pianeggiante
  • B: fondo medio a ritmo di 4’ al km su percorso pianeggiante

Apparentemente hanno svolto lo stesso allenamento.
Si, è vero dal punto di vista oggettivo: carico esterno.
Dunque, per definizione, il carico esterno rappresenta il dato oggettivo (distanza, velocità, recupero etc) ed è esattamente lo stesso per entrambi i nostri podisti.

Che cosa è invece diverso nelle due sedute?
La risposta si trova analizzando più approfonditamente ed a piu’ ampio raggio i due allenamenti.
Mi spiego meglio ed in maniera molto semplice.

  • Il podista A si è allenato in condizioni di temperatura esterna di 30°, ha svolto il giorno precedente una seduta molto impegnativa di lavori lattacidi ed ha svolto già una seduta la mattina stessa.
  • Il podista B si è allenato con 10° gradi centigradi, ha fatto riposo il giorno precedente e non ha svolto nessuna attività di corsa la mattina stessa.

Alla luce di queste considerazioni, vi sembra ancora che i due podisti abbiano svolto lo stesso lavoro?
E’ indubbiamente vero che il carico di lavoro esterno (la seduta di fondo medio) è la stessa, ma il riscontro e la reazione del loro organismo a tale sollecitazione allenante è completamente diversa.
Questo in termini tecnici si chiama carico interno, e non è altro che quello che il nostro sistema organico, fisico, muscolare e psicologico ha effettivamente dovuto sopportare.

Nel caso del podista A, le condizioni di temperatura sfavorevole, le condizioni di relativa freschezza muscolare (date dalle precedenti e ravvicinate sedute di allenamento), e senza dubbio un’aumentata frequenza cardiaca a parità di ritmo, hanno dato un carico allenante interno assai più importante di quello del podista B.
Questo non è altro che un banale esempio, ma ci illustra come è sempre bene valutare i tanti parametri di una seduta, e fare distinzione fra carico interno e carico esterno.
Buone corse

Alberto Biscardi

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Corsa e Cartilagini

No, la corsa non consuma la cartilagine. Rafforza le articolazioni. Una nuova analisi di numerosi studi fa luce su come, contrariamente alla credenza popolare, la

L’ultimo mese prima della maratona

Le maratone autunnali sono incombenti e decine di migliaia di corridori si stanno finalmente preparando a fare la fila per vedere cosa possono fare dopo

Sua maestà la proteina

La proteina Regola 1: Punta in alto Come corridore, probabilmente non hai bisogno di riempire tante proteine come Arnold Schwarzenegger durante il suo periodo di

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio