calzature minimali o piedi scalzi

Passare alla corsa con calzature minimali o a piedi scalzi

Se sei pronto a provare calzature minimaliste o la corsa a piedi scalzi, progredisci gradualmente.

Per esempio, comincia con l’aumentare la flessibilità della scarpa e solo in seguito comincia a ridurre la “morbidosità”.

Consideralo un esperimento dove cambi una variabile alla volta.

  1. Comincia al coperto: Lascia che i tuoi piedi si abituino ad una scarpa meno strutturata, indossandola al chiuso nel corso della giornata, in ufficio, su e giù per le scale.
  2. Dopo diversi giorni, esci all’aperto. Stai all’aperto con le nuove calzature per 15 minuti. Osserva come ti sembra camminare su differenti superfici. All’inizio i piedi potrebbero stancarsi. Fermati prima che facciano veramente male.
  3. Pensa come se fosse un incremento di carico. Se i piedi non ti fanno male dopo 15 minuti il primo giorno, bene! Fermati comunque. Prova 20 minuti il giorno successivo.
  4. Continua ad incrementare gradualmente. Una volta che sei arrivato ad un’ora all’aperto e i piedi sono OK, puoi cominciare a sperimentare andando più lontano e più a lungo. Sentiti libero di portare con te delle scarpe tradizionali “di scorta” per cambiarti, se necessario.
  5. Fai un piano di riserva una volta deciso di aumentare intensità o durata. In alternativa, prepara un piano di uscita come una fermata dell’autobus oppure un passaggio in taxi per tornare alla casella di partenza. Questo contribuirà a diminuire lo stress in caso i piedi cominciassero a farti male.
  6. Lavora sulla cadenza prima di spingere al massimo. Se hai pianificato di correre, devi cominciare a preparare i polpacci e il bacino al nuovo movimento, esercitandoti con una falcata maggiormente da midfoot o forefoot. Vedi come va. Potresti pensare di trovare un coach che ti dia una mano.
  7. Pensa alla lunghezza ed alla frequenza della falcata una volta cominciato a correre. Misura il ritmo. Cerca di portare la cadenza con un midfoot oppure un forefoot strike dalle parti di 180.
  8. Presta attenzione. Osserva come si comportano i polpacci facendo ciò con le tue solite scarpe prima di provare le calzature minimaliste.
  9. Costruisci la tua nuova tecnica gradualmente con le nuove calzature. Una volta che l’adattamento funziona su di te, prova 15 minuti su qualche superficie diversa con le nuove calzature minimali.
  10. Progredisci gradualmente. Ancora una volta, ma se non te lo ripeto un milione di volte non mi ascolterai. Dunque, progredisci con gradualità. A meno che non ti piacciano gli infortuni e il dolore. Se fosse così, allora compra un paio di scarpe minimaliste e fai una corsa di 5 km la prima settimana.

Di nuovo, quando sei soddisfatto della tua aumentata mobilità ed hai esplorato la falcata forefoot e gli aggiustamenti motori nella corsa, puoi cominciare a ridurre la “morbidosità” delle tue scarpe.

Comincia al coperto con la temperatura giusta. La maggior parte delle calzature minimaliste ha uno spessore di 4-7mm. Quello può essere un gran cambiamento rispetto alle Nike Free o ad altre scarpe.

È un’avventura. Superfici che non avevi mai sentito prima, adesso possono offrire dei messaggi ai tuoi piedi.

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

La giusta postura durante la corsa

postura corretta per correre Durante la corsa è importante guardare in avanti, puo’ sembrare scontato, ma è un errore piuttosto comune guardare in basso mentre

Il foam roller e la pallina

Foam Roller ll foam roller è un’attrezzatura cilindrica utilizzata per l’automassaggio di 13-14 cm di diametro e di 30-35 cm di lunghezza. A cosa serve?

Allenamento a digiuno

Allenamento a digiuno   L’allenamento a digiuno è una strategia che ha lo scopo di ridurre il grasso corporeo e di ottenere benefici a livello psicofisico.

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

obiettivorunning

spotify:show:6b3w8lkpVF0pVNcm9JMsK4

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio