42,195 km….parte quarta

ALLENAMENTI AD INTENSITA’ PROSSIME AL RMAR

Lo scopo di questi allenamenti è quello di abituare l’organismo a correre a tale intensità,
migliorando quella che è l’efficienza di corsa a questa andatura.

È un ritmo che si utilizza anche all’interno dei Lunghi e dei Bigiornalieri.

Allenamenti corsi interamente a questo ritmo sono poco utilizzati, perchè non potrebbero comunque superare i 25 Km e non allenerebbero sufficientemente la capacità di correre a lungo.

Per questo motivo vengono utilizzati:
1) Nella parte centrale della preparazione in sostituzione dei Lunghi (quando ne sono stati fatti 2in settimane consecutive), quando la parte Specifica/Speciale dura più di 8 settimane.

Vista la distanza dalla competizione principale, vengono suddivisi in frazioni di 5-7 Km in più ripetizioni.

Ad esempio: 3 x 7 Km (RMAR) rec. 1 Km CL, oppure 4 x 5 Km RMAR rec. 1 Km
CL, oppure una maratonina partendo a velocità leggermente inferiore del RMAR e finendo a RMAR.

2) Nelle ultime settimane di preparazione, 7-14 giorni prima della maratona.

7 giorni prima, solitamente vengono preferiti 13-18 Km, mentre 14 giorni prima (se non si effettua un lungo) 20-25 Km (o una maratonina a RMAR).

ALLENAMENTI DI RIPETUTE

Il secondo allenamento fondamentale del maratoneta sono le ripetute.

Ovviamente esistono diverse varianti che hanno effetti allenanti diversi, e tutte vengono ciclicamente utilizzate (non più di 1 allenamento di ripetute a settimana) per sviluppare/mantenere le qualità necessarie al maratoneta, cioè la Velocità di gara.

Nel periodo Generale verranno preferite le Ripetute brevi (200-400m) per sviluppare la Forza muscolare specifica.

Nei periodi Speciali e Specifici vengono comunque utilizzate (1 seduta ogni 2-
3 settimana) per fare in modo che non scadano le qualità neuromuscolari a seguito dei lunghi allenamenti.

Le Ripetute medie (500-1000m) vengono preferite fino a 6-8 settimane
prima della gara, per poi farne 1-2 nell’ultimo periodo preparatorio.

Le Ripetute lunghe invece vengono inserite particolarmente nelle ultime 8
settimane prima della gara.

S’inizia con un volume totale basso 6-8 Km (per arrivare al massimo a 12-15 Km) e il
ritmo di riferimento deve essere mantenuto per tutto il periodo.

In altre parole, se si effettuano le prime ripetute a 4’00”/Km, anche dopo 5-6 settimane
la velocità deve essere la stessa.

È da prestare particolare attenzione al fatto che tali allenamenti non provochino affaticamenti che perdurino per più di 2-3 giorni, altrimenti non sarebbe possibile
alternare questi allenamenti ai lunghi.

Ripetute con recuperi qualificati: alcuni allenatori consigliano di effettuare le ripetute medie e lunghe riferendosi al RMAR.

In altre parole si effettuano le fasi “veloci” a RMAR -20”/Km (circa)
e le fasi “lente” a RMAR+10-20”/Km.

Tali allenamenti potrebbero essere lunghi da 12 a 20 Km (sommando le fasi lente a quelle veloci).

 

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

Corsa e Cartilagini

No, la corsa non consuma la cartilagine. Rafforza le articolazioni. Una nuova analisi di numerosi studi fa luce su come, contrariamente alla credenza popolare, la

L’ultimo mese prima della maratona

Le maratone autunnali sono incombenti e decine di migliaia di corridori si stanno finalmente preparando a fare la fila per vedere cosa possono fare dopo

Sua maestà la proteina

La proteina Regola 1: Punta in alto Come corridore, probabilmente non hai bisogno di riempire tante proteine come Arnold Schwarzenegger durante il suo periodo di

i cANALI PODCAST DOVE ASCOLTARCI

ci trovi anche su

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi entrare a fare parte della famiglia di obiettivo running iscriviti alla newsletter in modo da accedere prima a promozioni e sconti

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio