Archivi categoria : i mezzi di allenamento

42,195 km …parte terza

Dopo aver analizzato nell'articolo precedente quella che è la fisiologia che determina la periodizzazione dell’allenamento e la stima del ritmo gara (RMAR), in questa seconda parte ci focalizzeremo sui seguenti aspetti: Le caratteristiche dei Lunghi (cioè gli allenamenti più importanti) Le caratteristiche degli altri mezzi allenanti (Progressivi, Ripetute, ecc.) Come affrontare il recupero post-maratona.. Come poter valutare la possibilità…
Leggi

ALLENIAMO LA STIFFNESS MUSCOLARE

Per il runner è quella caratteristica che permette di rispondere alle sollecitazioni dell’impatto del piede al suolo in maniera ottimale, restituendo la massima porzione di energia elastica possibile. Quando un runner non è dotato di una stiffness adeguata, la spesa metabolica (a pari velocità) sarà maggiore e di conseguenza la fatica non permetterà di mantenere…
Leggi

Lo Stiffness

Definizione: per un runner, è la capacità della catena muscolare estensoria  di restituire, in fase di spinta, una porzione elevata dell’energia accumulata in fase di appoggio. In particolar modo, mentre si corre la muscolatura dovrebbe essere in grado di esprimere medio/alti livelli di forza in pochissimo tempo, restituendo una parte dell’energia elastica accumulata durante l’impatto.…
Leggi

IL progressivo parte seconda

VARIANTI DEL PROGRESSIVO Le varianti di questo mezzo solitamente vengono introdotte per: Allenare anche le capacità neuromuscolari Renderlo più semplice e motivante (meno noioso) Inserire più tratti a ritmo gara (diventando anche allenante per la velocità di gara) La prima variante per eccellenza sono le Rollercoaster: Si tratta di correre la parte finale di Lunghi (non troppo impegnativi) ad intensità…
Leggi