L’alimentazione del maratoneta

I principi base di alimentazione  del maratoneta non sono diversi da quelli consigliati per il resto della popolazione.

Particolare attenzione (soprattutto chi si allena molte volte a settimana) è necessario porre all’introito calorico giornaliero che dovrà essere in grado di supportare la spesa energetica.

Numerose ricerche hanno dimostrato come un insufficiente apporto di carboidrati comporti un peggioramento del rendimento in allenamento.

Le linee guida sono quelle di consumare 7-10 grammi su Kg di peso corporeo al giorno di carboidrati  per gli atleti che effettuano elevati volumi di allenamento (professionisti).

5-7 g/Kg al giorno per chi effettua un volume più moderato.

Questi numeri vanno poi adeguati alle singole esigenze.

Nel periodo in cui si prepara una maratona, non è da ricercare nessun tipo di restrizione calorica, in quanto potrebbe andare a compromettere il rendimento in allenamento.

Ma è consigliabile assumere integratori a base di carboidrati al di fuori del contesto di gara?

La risposta è “dipende”…dipende se con l'alimentazione si è in grado di coprire il fabbisogno generale di nutrienti.

A mio parere, è importante cercare prima di tutto di soddisfare il proprio fabbisogno nutrizionale con l’alimentazione.

Cos’è il carbo-load (carico di carboidrati)?

È la strategia alimentare che  viene impostata nei giorni precedenti alla maratona, per massimizzare  le scorte di carboidrati all’interno del proprio corpo (glicogeno).

Come tutte le altre strategie alimentari, va provata precedentemente in altre occasioni, per adeguarla in base alle proprie caratteristiche.

 

 

Non fermarti qui

Continua ad esplorare

La corsa in montagna

Per correre in montagna è necessario essere in grado di adattare la propria corsa ai tracciati che si affrontano. Per migliorare la capacità di adattare

Recupero post maratona

Per “recupero post-maratona” si intende l’insieme delle situazioni (atletiche, fisiche e psicologiche) che seguono lo svolgimento di una maratona. I giorni successivi l’organismo si trova

Esercitazioni statico dinamiche

  Sforzi specifici per questa tipologia di fibra, per cui il peso sollevato non deve essere eccessivo(inferiore al 50% del massimale). Essendo le fibre lente difficilmente